Pagine

29 gen 2015

Parole...

Le parole sono strumenti. In un libro, in un giornale, in una canzone.
Quando esci, quando sei a casa, quando sei solo o in compagnia, le parole ti circondano.
Non si è mai scritto tanto da quando esistono chat e sms.
Non si è mai scritto e letto tanto da quando esistono internet, i motori di ricerca, i forum, i social nertwork.
Ti basta un click e puoi arrivare a conoscere un cantautore lontano miglia da te che trasforma le poesie in canzoni, un click e puoi aver notizia di uno scrittore poco conosciuto che non ha i suoi lavori sugli scaffali di una libreria.
Così le parole corrono su internet come i neuroni all'interno dei nostri cervelli. Da un punto all'altro del pianeta, in un istante, in un battito di ciglia. Sei a Tokyo, un secondo dopo a Washington, un click e sei a Copenaghen. Più di 500 milioni di chilometri quadrati vengono ogni secondo attraversati da centinaia  e centinaia di parole.
Le parole sono strumenti. Esprimono sentimenti, uccidono, esaltano, rincuorano. Non sono solo mezzo di trasmissione di informazione, ma trasformano ogni pensiero ed astrattezza della nostra mente in qualcosa di eterno.

 Miriam B.

Verba volant scripta manent. Scripta manent ingenium volat...

"Words" in the world
-->