Pagine

7 mag 2015

Post fata resurgo

Odio i numeri, odio le classifiche, per me esistono le parole, nulla più.
Eppure, anche nel mondo delle parole contano i numeri. Il numero di copie vendute, la media delle recensioni, la classifica Amazon...

Sono sincera, non mi aspettavo che la copertina del mio libro e il suo estratto colpisse tanto le persone da far balzare "Il dono dell'Imperatore-La lince del vespro" dal fondo più scuro della classifica Amazon alla soglia della Top 100.
È suggestivo vedersi in classifica con autori del calibro di R.R Martin. Non sono assolutamente alla sua altezza, sono una foglia trasportata dal vento, lui è un quercia dalle profonde radici. Oggi sono qui, domani potrei essere nuovamente sul fondo, nascosta tra tante foglie tutte uguali tra loro.
È emozionante, suggestivo, surreale, incredibile.
Questo libro è nato tre anni fa, in un momento buio, quando avevo bisogno di evadere dalla realtà che, giorno dopo giorno, mi soffocava e annichiliva.


Come l'araba felice, anche io sono risorta dalle mie ceneri e sono orgogliosa di esserci riuscita.
Post fata resurgo.
Sì, nel mio piccolo, nel mio essere fallace e inesperta, insicura e distratta, pessimista e ansiosa.
Post fata resurgo.
Sì, nella mia semplicità, nel mio essere caparbia e decisa, metodica e precisa, umile e coraggiosa.