Pagine

5 lug 2016

La fine di un'avventura






Ho ordinato e sistemato le parti dei personaggi all'interno dei capitoli, ho tagliato il superfluo e riscritto le parti che non mi piacevano; ne ho aggiunte di nuove, come una che erroneamente avevo cancellato di Evelyn, e ho scritto l'epilogo. Infine, ho digitato la tanto temuta parola FINE.
Raramente mi sono sentita così triste. So che dovrei essere felice per aver raggiunto un obiettivo importante, ma per adesso il vuoto che sento dentro è troppo grande. Sto convicendo me stessa che quest'avventura non avrà mai veramente fine, che continuerà a vivere nel mio cuore, perché Aleksandra, Adrian, Tristan, Evelyn e gli altri personaggi de "Il dono dell'Imperatore" non sono solo il frutto della mia fantasia, sono come amici conosciuti durante uno splendido viaggio e che mai dimenticherò.
La separazione da loro ora mi addolora, ma questo non mi spingerà a smettere di viaggiare. Sono tanti i personaggi e le storie che bussano alla porta della mia creatività, pronti a diventare parole su carta e a entrare nelle vite di chi sceglierà di leggere i miei libri. Ammetto che la mia mente è già distratta da queste nuove avventure che iniziano a prendere vita, ma il mio cuore è ancora nel vecchio impero di Numia, e vi rimarrà a lungo. Sarà con questo cuore che, dopo una piccola pausa durante il quale il romanzo riposerà, inizierò la seconda fase di correzione, quella di editing vero e proprio. 

Non ho cancellato il titolo del file, gli occhi dei più attenti avranno notato che è lì, in alto, nell'immagine allegata a questo post. Non è stato per dimenticanza, ho deciso che era giusto che anche voi lettori lo conoscesse, in fondo non manca molto all'uscita del libro.
Il titolo della terza e ultima parte de "Il dono dell'Imperatore" è LA LUCE DI ESTAR. Il libro sarà in vendita in esclusiva su Amazon entro la fine del 2016 in formato ebook e cartaceo.
Mi auguro che potrà suscitare in voi le stesse emozioni che ha suscitato in me durante la fase di scrittura.

Chi ha la fortuna (o la sfortuna) di parlare con me del libro, sa bene come già in passato io abbia esclamato "Bellissimo, mi piace tantissimo, avrei voluto tanto leggerlo io e non scriverlo!", e poi "Preferisco il secondo, mi piace molto più del primo"; e dopo aver riletto il primo e il secondo "Non so scegliere, li adoro entrambi, anche se per motivi diversi".
Ecco, alla fine della rilettura del terzo sono tentata di dire "Questo è sicuramente il migliore, il più bello, il più coinvolgente, il più emozionante", ma so bene che rileggendo i primi due cambierei idea. Questa volta quindi non dirò nulla, promesso!
Una madre non ha un figlio prediletto, una madre ama in ugual modo i suoi figli, accetta i loro difetti e ne apprezza i pregi in ugual modo, ed io amo questi tre libri in ugual modo. Insieme creano un'unica e grande storia, un solo corpo, un'unica anima, la mia, che sono orgogliosa di aver trasmutato in parole per mio diletto e felice di aver condiviso con tante persone.

Non mi rimane che augurare a tutti voi una meravigliosa estate in compagnia di splendide letture.
A presto!

Miriam B.